Donazioni

Donazioni

Il tuo contributo permette all’associazione mantenere le attività aperte a tutti gratuitamente (o con contributi minimi). A titolo di esempio, non esaustivo, i fondi verranno usati per la Magnalonga in bicicletta, per il centro di educazione ambientale Il Casone, per sostenere La Scienza Coatta, per la gestione dei corsi del progetto Green Jobs, per l’Officina bici Aniene e tanto altro.

Con una donazione diventi nostro “azionista”! Sarai il vero promotore di azioni sociali sul nostro territorio, attraverso una donazione destinata al progetto che più ti somiglia al quale potrai partecipare direttamente in quanto socio attivo. Avrai la possibilità di accedere in via prioritaria a tutte le nostre iniziative!

Perché ti conviene

Se fai una donazione ad una associazione di promozione sociale iscritta al registro, come la nostra, puoi usufruire delle detrazioni o delle deduzioni con la dichiarazione dei redditi. La cifra che puoi recuperare varia in base al tipo di donazione.

  • E’ prevista una detrazione del 30% per le erogazioni liberali in denaro o in natura a favore dell’associazione per un importo complessivo, in ciascun periodo d’imposta, non superiore a € 30.000. La detrazione è consentita, per le erogazioni liberali in denaro, a condizione che il versamento sia eseguito tramite sistemi di pagamento tracciati (bonifico, assegno, paypal, carta di credito eccetera).
  • Le liberalità in denaro o in natura erogate a favore dell’associazione da persone fisiche, enti e società sono deducibili dal reddito complessivo netto del soggetto erogatore nel limite del 10% del reddito complessivo dichiarato. Qualora la deduzione sia di ammontare superiore al reddito complessivo dichiarato, diminuito di tutte le deduzioni, l’eccedenza può essere computata in aumento dell’importo deducibile dal reddito complessivo dei periodi di imposta successivi, ma non oltre il quarto, fino a concorrenza del suo ammontare.

Come fare una donazione

Nel caso di donazioni in denaro, utilizza un metodo tracciabile: puoi inviare un bonifico, consegnarci un assegno, pagare con paypal (anche con carta di credito o di debito), indicando chiaramente nell’oggetto o causale che si tratta di una donazione.

  • Bonifico: IBAN IT48H0306909606100000125111 intestato a Tavola Rotonda Associazione Culturale – BIC: BCITITMM – Banca Intesa SanPaolo. Indica nella causale Donazione (se vuoi specifica per quale progetto)
  • Assegno: intestato a Associazione Tavola Rotonda – Via Nizza 72 – 00198 Roma. Indica nella causale Donazione (se vuoi specifica per quale progetto)
  • Paypal: invia il pagamento a info@tavolarotonda.org (puoi utilizzare anche la tua carta di debito o di credito). Indica nella causale Donazione (se vuoi specifica per quale progetto)

Scrivici e segnalaci la tua donazione. Ti invieremo una ricevuta che dovrai conservare insieme alla prova del tuo pagamento (l’estratto conto della carta, l’estratto del bonifico, eccetera).

Quando farai la dichiarazione dei redditi, potrai scegliere se dedurre o detrarre la tua donazione. Se ti affidi a un CAF o a un professionista, ti dovrebbe esser fatto il calcolo di convenienza per fare la scelta migliore. Tieni presente che più il tuo reddito è alto, più sono convenienti le deduzioni dal reddito, perché si recupera la propria aliquota marginale. Lo stesso discorso vale per i redditi del nucleo familiare: in caso di deduzione conviene sempre intestare la fattura al componente della famiglia che ha il reddito più alto, così da recuperare una cifra maggiore.

Le donazioni in natura

Se vuoi donarci beni o servizi, li utilizzeremo esclusivamente per lo svolgimento della nostra attività statutaria, ai fini dell’esclusivo perseguimento di finalità civiche, solidaristiche e di utilità sociale. Per quantificare il valore della donazione è necessario fare riferimento al criterio del valore normale dell’art. 9 del T.U.I.R. Nel caso di erogazione liberale avente ad oggetto un bene strumentale – e, quindi, nell’ipotesi in cui il donante sia un soggetto titolare di reddito d’impresa -, l’ammontare della detrazione o della deduzione deve essere determinato con riferimento al residuo valore fiscale all’atto del trasferimento. Nel caso in cui oggetto della cessione gratuita siano i beni alla cui produzione o scambio è diretta l’attività dell’impresa o i beni acquistati o prodotti per essere impiegati nella produzione, per quantificare la liberalità sarà necessario prendere il minore tra il valore normale e quello determinato applicando le disposizioni sulle valutazioni delle rimanenze di cui all’art. 92 del T.U.I.R.

Nel caso in cui il valore della singola cessione sia superiore a € 30.000 o non sia possibile desumerne il valore sulla base di criteri oggettivi, è sempre necessaria una perizia giurata recente che attesti il valore dei beni donati. Il donatore deve predisporre una dichiarazione scritta recante la descrizione analitica dei beni donati, con l’indicazione dei relativi valori. A sua volta, invece, il soggetto destinatario dell’erogazione deve predisporre una dichiarazione contenente l’impegno ad utilizzare direttamente i beni medesimi per lo svolgimento dell’attività statutaria, ai fini dell’esclusivo perseguimento di finalità civiche, solidaristiche e di utilità sociale (Ministero del lavoro e delle politiche sociali – Decreto Ministeriale 28 novembre 2019).

Altri metodi per contribuire

In alternativa, o in aggiunta, puoi anche donarci:

  • il tuo 5×1000: scopri qui come
  • il tuo tempo per fare il volontario! Contattaci e troveremo l’iniziativa che fa per te
  • diventa nostro socio: compila il modulo qui
RSS
Seguici via Email
Facebook
Twitter
YouTube