Questo sito utilizza cookies tecnici e di profilazione. Alcuni cookies ci permettono di avere statistiche sulle visite tramite Google Analytics, su cosa viene letto, su quali link vengono usati. Altri ci consentono di usare servizi di terzi, come quando incorporiamo audio e video, o diamo la possibilità di condividere un articolo sui social media. I cookie di profilazione servono per accedere alle sezioni riservate del sito. Puoi accettare i cookies cliccando sul pulsante o continuando a navigare, oppure puoi uscire dal sito o bloccare i cookies tramite le impostazioni del tuo browser.

WEcan! The role of youth workers in local development

Erasmus+ Key Action 1: Learning Mobility of Individuals

Training WEcan! The role of youth workers in local development
Anticoli Corrado (Italy): 10 - 16 June 2019

WeCan! The role of youth worker in the local development è una formazione per educatori ed operatori del terzo settore, specificatamente rivolta alle associazioni che si occupano di gioventù, che ha come obiettivo base offrire strumenti innovativi di facilitazione e co-progettazione per attivare la costruzione di rete e incrementare strategie di sviluppo locale. Lo youth worker, in qualità di educatore, può ricoprire il ruolo di facilitatore e attivatore dello sviluppo, mettendo insieme i diversi stakeholders e creando collegamenti tra di essi supportando processi di progettazione partecipata.
Formare, offrire opportunità ai giovani, dare spazio allo sviluppo di idee e iniziative, creare situazioni di pratica e costruzione della persona e di cittadini consapevoli ed attivi è tra gli obiettivi delle organizzazioni giovanili. Coltivare cittadini consapevoli e partecipi allo sviluppo e la valorizzazione del proprio territorio è una delle nuove frontiere dello sviluppo territoriale. I territori che non vogliono vedere il loro patrimonio lasciato allo stato di abbandono si stanno attivando sempre di più verso un modello di gestione partecipata, avviando processi che prevedono la co-gestione e la presa in carico della cura dei beni comuni, coltivando una nuova idea di spazio pubblico. Negli ultimi anni si è sempre più spesso sentito parlare dell'adozione degli spazi pubblici, come la soluzione di contro tendenza all'abbandono e l'incuria. Questo approccio, che è portatore di valori educativi, dà vita ad una nuova cultura che non accetta più gli sprechi ma vuole valorizzare le risorse a disposizione ed eventualmente creare nuovi spazi di espressione e di lavoro, smettendo di delegare le responsabilità della cura del bene pubblico, ma coinvolgendo consapevolmente i cittadini alla crescita del proprio territorio.
I principi dell'economia civile e la sharing economy cercando di inoculare nuove logiche che vanno oltre il mercato, introducono una nuova forma di fare economia e attivano lo sviluppo locale partendo dai valori che già appartengono alle organizzazioni giovanili e del terzo settore, dando importanza alla costruzione di collaborazioni tra diversi attori e valorizzando il ruolo della persona in quanto individuo e restituendo importanza al bene comune.
Se l'obiettivo è chiaro, il processo per il raggiungimento di esso è da costruire. Partire dalla comunità per migliorare i territori valorizza il ruolo dello youth worker in qualità di attivatore di processi di partecipazione e costruzione di rete che permettano a tutti gli attori locali di creare rapporti di dialogo e confronto orizzontali offrendo l'opportunità alle persone di dire dal “partecipo a” al “faccio con”, in una dimensione peer to peer. Per fare ciò, deve poter arricchire le proprie competenze professionali con strumenti di progettazione partecipata, facilitazione, analisi del contesto e valorizzazione delle risorse avendo a mente il ventaglio di possibili percorsi che si possono intraprendere per attivare/alimentare lo sviluppo locale.
Gli obiettivi di questo progetto sono:

  • fornire agli youth worker gli strumenti operativi per diventare facilitatori di processi partecipati che favoriscano lo sviluppo locale;
  • attivare il confronto tra organizzazioni giovanili e facilitare lo scambio di competenze e conoscenze e stimolare il confronto culturale e l'apprendimento interculturale attraverso di esso;
  • incrementare la capacità delle organizzazioni di offrire opportunità per i giovani sia a livello locale che sulla scala Europea ed internazionale;
  • favorire la diffusione di metodologie educative non formali a supporto dello sviluppo locale
  • migliorare la qualità dell'intervento socio educativo di ogni singola organizzazione verso una strategia rivolta allo sviluppo del territorio in dialogo con i diversi stakeholders.

Questo progetto si lega agli obiettivi del programma Erasmus+:

  • contribuendo a sviluppare un sistema di formazione rivolto agli attori della gioventù basato sull'apprendimento reciproco, il confronto e lo scambio di buone pratiche
  • facilitando la cooperazione tra diversi attori in rete sullo sviluppo di territorio alimentando il ciclo formativo dei membri delle associazioni in modo da offrire nuovi stimoli e spunti per un migliore impiego professionale e una maggiore realizzazione personale e sociale
  • alimentando un sistema di formazione permanente rivolto alla rete dei partner che stimoli la partecipazione a formazioni in mobilità rivolte agli associati per accrescere le competenze all'interno delle organizzazioni.

Per maggiori informazioni sul progetto: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Condividi
FaceBook  Twitter  

Partners

Tina due srl    Il Casone Valle dell'Aniene    Legambiente Mondi Possibili

.
.

Partecipa via social network!

Cerca nel sito

Contatti

Per informazioni e per contattarci:
E-mail: info@tavolarotonda.orgsegreteria@tavolarotonda.org
Skype: Associazione Culturale Tavola Rotonda
Telefono: 06 87761893

Iscrizione alla Mailing list

Sei qui: Home Formazione non formale WEcan! The role of youth workers in local development